Pubblicazioni - Romanzi e Raccolte

Descrizione immagine

Io, Dracula 

- Romanzo -

Io, Dracula

[...] Di me si scrisse che fossi il figlio del diavolo. Altri, poi, dissero di me che io fossi il diavolo stesso. Ero l’ombra della morte nelle terre della Transilvania, un tempo di quasi un’era passata. Giorni in cui guardavo con gli occhi del principe i miei amati monti Carpazi fino all’orizzonte più lontano; essi mi sembravano le onde di un mare di roccia, e le cime increspate non di schiuma, ma bensì di una fredda neve d’inverno. Fredda tanto il mio cuore che amava le torture dell’impalare gli uomini miei nemici, a me ostili.

Così, nel mare del tempo di queste terre, il mio nome si è perso nella storia tramandata, lentamente. E’ rimasto il simbolo del Drago, e nella mia lingua madre fu tradotto poi in diavolo. Alla fine, i venti della storia riportano un unico suono di morte come mio nome.

Creduto incapace di amare e di vivere per il solo gusto di uccidere, imprigionato e poi tradito, ho visto la morte in una freccia scoccata nel mio petto.

Ma nel tempo si nascondono leggende e maledizioni che riportano i morti nel mondo dei vivi, fino a quando io stesso non divenni una di quelle, nel giorno del mio risveglio dalla morte. Il giorno in cui sentii di nuovo la sua voce, la voce di colei che unicamente ho amato.

Da allora, gli anni si sono succeduti rapidi come fossero gocce di una pioggia primaverile, ma la mia vera storia è rimasta, non più persa, ma sepolta sotto le righe che accompagnano la disperazione di un tempo senza vita. Dietro le parole di un cuore senza battiti, di una spada senza più sangue. E’ la vera storia di un uomo che vive senza più un’anima dentro, colui che lotta contro l’invincibilità del tempo. Io, sono Dracula. [...]

Trama

Transilvania, il racconto in prima persona del primo ed unico vampiro.

L'amore, quello vero, risveglia il Conte Vlad Tepes III ad una nuova vita. Strane voci che corrono nei venti, strani istinti muovono le gesta del più spietato dei vampiri, l'unico: il principe della sua specie. Alla ricerca di un amore negato da giochi di potere e guerre antiche, Dracula ritorna ad una nuova vita dopo un sonno durato sette anni. Tra le silenziose montagne della catena montuosa dei Carpazi, fino alla città delle colline ed alla corte di un vecchio mito. Una corsa contro il tempo e la fuga dai nemici che combattono il demone in nome della Chiesa risvegliano la bestia del vampiro che cerca solo l'amore di Hanna, la sua amata. Clemente Leorani, uomo potente della Chiesa, avvisato dai monaci studiosi di un convento tra i monti della Transilvania, apprende del risveglio di Dracula. La sua attenzione si concentra sulla vita della principessa che silenziosa dimora nello stesso convento. Leorani, al pari di Dracula, intraprende un viaggio per catturare e distruggere il male, il demone. Vlad deve trovare Hanna e fuggire prima che le forze della Chiesa lo raggiungano, ma il vero scopo è un altro: Loerani vuole i suoi poteri. Attraverso gli occhi del lupo, attraverso quelli dell'uomo e del demone, Dracula lotterà contro il suo nemico. Saranno le sue stesse parole, scritte dal suo pugno vampiro, a raccontarvi la vera storia...

Descrizione immagine

- Imaginaerum -

Racconti Oscuri

Progetto

Imaginaerum nasce dalla voglia di portare a termine un progetto letterario che racchiuda in un'unica raccolta di racconti tutto il genere fantastico/horror. Definiti oscuri perché la notte è sempre la componente determinante di quasi tutti i racconti, ho racchiuso il lato cupo della mia immaginazione in ogni loro parte, quell'alone di mistero e paura che caratterizza ogni racconto horror che si rispetti. Dark romance, urban fantasy, horror e presenze demoniache. Lo considero un viaggio dal tramonto all'alba di quello che l'immaginazione di uno scrittore può raccogliere tutto d'un fiato. 

Trama

Una raccolta di racconti definiti 'oscuri' per l'eterno intrecciarsi tra bene e male, la loro infinita lotta per la supremazia. Dando spazio alla fantasia di correre tra demoni e angeli, tra negozi di giocattoli che si animano fino al traghettatore della anime, senza tralasciare fantasmi e presenze demoniache.

La spontaneità e la semplicità con cui Alexander scrive i suoi racconti fa sì che chiunque li legga si appassioni alle storie e si immedesimi nelle situazioni e nei personaggi stessi; le narrazioni di fantasia si incastrano alla perfezione con la realtà a tal punto che spesso è difficile farne la scissione. Gli scritti non mancano di colpi di scena, sono ricchi di emozioni e sanno suscitare un vivo interesse nel lettore che viene avvolto dall’alone di mistero che li circonda e, senza rendersene conto, si ritrova alla fine di ogni storia con la voglia di iniziarne subito una nuova.

I contenuti non sono mai cruenti o volgari, sono alla portata di tutti, anche di chi è reticente nella lettura di storie horror. Le descrizioni degli ambienti e dei protagonisti sono fatte con cura e con particolare attenzione a tal punto che sembra che l’autore sia egli stesso il vero protagonista del racconto. La parte che colpisce maggiormente durante la lettura è la delicatezza con cui viene affrontato ogni genere di situazione, sia che si tratti di un pupazzo maligno oppure che sia la perdita di un amore. Ed è così, attraverso parole che raccontano immagini di fantasia che si apre un nuovo modo di vedere la scrittura horror intrecciata con il nuovo genere urban fantasy. Non sono racconti scritti con l’inchiostro, ma con l'anima.

Descrizione immagine

Vampire's Heart

Progetto

Il progetto di Vampire's Heart è nato dalla voglia di unire le ormai classiche storie di vampiri che si innamorano degli umani a qualcosa di un po' più attuale e tecnologico. Ho deciso quindi di “ribaltare” letteralmente quella che era considerata la catena alimentare del classico mito dei vampiri, ovvero la superiorità di questi esseri rispetto agli umani. Detto questo, l'unico modo per poterlo fare era la tecnologia che noi umani abbiamo a disposizione nel mondo reale. Capaci di controllare qualsiasi essere vivente sulla terra, ho potuto facilmente immaginare di poterlo fare anche coi vampiri, ma tutto nell'unione di una storia d'amore che lega sempre gli occhi del lettore alle parole scritte. 

Trama

Seattle. Nella pioggia di questa splendida città si nasconde la vita di un vampiro. In un'era moderna, la vita di queste creature oscure si è fatta sempre più difficile ed il buio della notte è più che l'obbligo di un rifugio per Matt, un solitario che si muove nelle ombre dei vicoli e dei palazzi più alti. Una sera come tante, a caccia del sangue che lo condanna alla vita eterna, incrocia una bambina che abbandonata in auto da un padre incurante lo scopre nel mentre del suo pasto. Matt cerca di allontanarla e di far finta di nulla, ma guardandola negli occhi infrange una delle sue più importanti regole: non fissare mai lo sguardo degli umani. Non ci devono essere mai sentimenti.

Preso da un singolare rimorso, Matt aiuta la bambina a raggiungere la sua casa ed è lì che incontra Mary, sua madre. Le loro vite però sono segnate da un destino ben più grande di quello che si possa immaginare. Quello che Matt non sa è che il suo sangue, il sangue di vampiro, è ben più prezioso dell'oro, umani potenti e ricchi muovono occulte organizzazioni per averlo.

Da quel momento tutto diventa una lotta per fuggire alla prigionia di un qualcosa di nuovo, un qualcosa che nasce dal sangue dei vampiri.

Una novella insolita quanto avvincente. L'immaginazione supera i classici racconti sui vampiri e sui loro sentimenti che negli ultimi anni hanno caratterizzato il mercato dell'editoria e quello del cinema, qualcosa che vi rimarrà nel cuore.